Mar 11

Gli Occhi della Tigre

Written by  1 comment



La voglia di andare avanti. Voi tutti sapete che per vivere non bisogna mai lasciarsi ‘trasportare’ dal prossimo, dagli eventi, bensì bisogna attaccare la vita, essere tigri e non prede. Un mondo di prede, ecco cosa sto vedendo in questi anni. Credo di conoscere tigri, ma stanno nel loro mondo, non si mischiano perché altrimenti succederebbe la catastrofe. Le tigri spezzano i soliti corroboranti e vomitevoli (lasciatemi passare il termine) schemi preimpostati. In questo periodo, nel quale ho parecchio su cui riflettere e pensare, sto prendendo alcune decisioni; probabilmente tra le più importanti della mia umile vita. Umile vita ma non plagiata dall’autocommiserazione, dal pessimismo (quello ‘storico’ lo lascio al grande Leopardi, quello mondano lo lascio a chi si crogiola in questo...), bensì dalla forza interiore, dalla rabbia, forse –direte voi- da un pizzico di cattiveria. Beh, che c’è di male? Tutti dicono di essere buoni, di ‘porgere l’altra guancia’, di amare il prossimo, di andare ‘incontro’ agli altri. Falsi e ipocriti predicatori. Io non sono così. Anzi, forse sono l’opposto. Sono una bestia quindi? Si...una bestia. Anche perché se dicessi animale offenderei la razza animale in quanto unica realtà ‘veramente intelligente e rispettosa’ sul nostro pianeta.

Non si può spaccare il mondo, anche perché siamo dentro determinati schemi. Gelosia, invidia, cattiveria, arrivismo la fanno da padrone e tutta la spazzatura circostante, dai falsi amici, dalla moda, dai media, dai falsi amori, non fanno altro che imbruttire questa esistenza. Si è scritto parecchio su queste cose ed io torno sull’argomento? Chissenefrega!!! E’ il mio pensiero. Tutti parlano di amicizia e amore. Io non riesco a guardare negli occhi più nessuno: o meglio, io guardo sempre negli occhi ma non vi trovo nulla. Falsità ed egocentrismo allo stato puro. Certe volte mi fa schifo essere ‘uomo’, vorrei essere un animale, con grandi istinti e senso del rispetto reciproco. Probabilmente, dentro di me, non sono un essere umano, ma qualcosa di differente....non riesco a capire chi potrà seguirmi da adesso al futuro prossimo venturo. Bisogna essere un po tigri, avere la forza e nobiltà della tigre: essere feroci ed attaccare prima di essere sopraffatti, perché noi tutti stiamo solo sopravvivendo, altro che vivere la propria vita.

Eppure esistono alcune realtà, minuscole, nel mondo, dove si respira gioia e amore...veri! Non so ....mi piacerebbe andare a trovare le persone di questi posti, scambiare parole, intrattenere discorsi. Guardandomi allo specchio vedo un quarantenne anomalo, strano. Non dovevo nascere- probabilmente - in questo periodo ed in questo mondo. Domanda? No forse è una risposta. Mah....L’altra sera ho visto un film in dvd, ‘I Due Fratelli’, la storia di due cuccioli di tigre...andate a noleggiarlo, è veramente bello. Estrapola il massimo concetto di rispetto, lealtà, umiltà ed orgoglio che solo gli animali hanno insito nel proprio essere. Vorrei essere una tigre sì, ho sempre cercato di esserlo. Chissà se un giorno ci riuscirò.

Roby Comanducci 

Rate this item
(0 votes)
Read 35 times Last modified on Giovedì, 11 Marzo 2021 21:48
More in this category: DEATH TO FALSE PEOPLE »

1 comment

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.