Giu 18

NEW HORIZON
“Conquerors”
(Frontiers Music s.r.l.)
release: 14 – 06 - 2024
genere: power metal
voto: 4,5


Line up: Jona Tee - lead & rhythm guitars, bass, keyboards, backing vocals, Nils Molin - lead vocals. Additional musicians: Georg Härnsten Egg – drums, Elize Ryd - lead vocals on "Before The Dawn", Love Magnusson - solo guitar on "King of Kings" & "Edge of Insanity", Daniel Johansson - solo guitar on "Daimyo" E "Apollo", Laucha Figueroa - solo guitar on "Shadow Warrior" & "Fallout War"

Tracklist: Against the Odds, King of Kings, Daimyo, Shadow Warrior, Apollo, Fallout War, Messenger of the Stars, Before the Dawn, Edge of Insanity, Alexander The Freat (356 – 323 b.c)

Nuova uscita per la Frontiers Music s.r.l con i New Horizon che hanno pubblicato il loro nuovo album intitolato "Conquerors". Un disco di dieci tracce basato su un eccelso power metal fatto veramente molto bene. Il fondatore del gruppo Jona Tee ha dovuto intraprendere una difficile ricerca per il cantante dopo la dipartita di Erik Grönwall che si è unito agli Skid Row. La scelta è caduta su Nils Molin suo amico di lunga data. Jona Tee alla chitarra solista e ritmica, basso, tastiere e cori, Nils Molin voce con l'aggiunta di altri eccelsi musicisti quali Georg Härnsten Egg alla batteria, Elize Ryd voce solista in "Before the Dawn", Laucha Figueroa chitarra solista in "Shadow Warrior" e "Fallout War". Questo loro lavoro è un crescendo di intensità e risulta molto coinvolgente con sonorità corpose, potenti coadiuvate da un livello tecnico molto alto. In alcuni frangenti del disco si possono riscontrare sonorità ancora più pesanti; citerei "Shadow Warrior" e "Fallout War" sia a livello di guitar work che come vocals, il tutto comunque magistralmente orchestrato e stemperato da lodevoli parti corali. Nel brano "Before the Dawn" si rallenta e con la partecipazione di Elize Ryd si raggiunge un livello incredibile visto che sono riusciti a incastrare in maniera eccellente addirittura una sezione di fiati. Per gli amanti del power metal i New Horizon sono una bella certezza, un disco che rasenta la perfezione assoluta.

Luca

Giu 06

ISSA “Another World”

Written by

ISSA
“Another World”
(Frontiers Music s.r.l.)
release: 07 – 06 - 2024
genere: Aor, heavy rock
voto: 4

Line up: Issa – vocals, James Martin - synths and bvs, Tom Martin – guitars, bass and bvs, Leon Robert Winteringham - guitars and bvs. Additional Musicians: Melvin Brannon Jr., Steve Grocott, Dennis Butabi Borg, Josh Tabbie Williams, Robert Sall, Phil O Dea, Colin Parkinson, Pete Newdeck

Tracklist: Armed & Dangerous, All These Wild Nights, Only In The Dark, Never Sleep Alone, The Road To Victory, Another World, Kick Of Fire, Got A Hold On Me, A Second Life, The Hardest Fight, Lost & Lonely

Issa, alias Isabell Øversveen, è uscita in questi giorni col suo nuovo e fiammante full lenght album intitolato "Another World". Un disco di undici brani di una forza coinvolgente e a tratti anche molto dirompente ma anche accattivante grazie anche alla sua voce strepitosa. Con il primo brano intitolato "Armed & Dangerous" la female singer fa valere le sue doti canore e se aggiungiamo gli ottimi arrangiamenti musicali il gioco è fatto, una song assolutamente degna di nota che presenta nel miglior modo possibile l'intero disco. Troviamo invece sonorità più tendenti a un AoR classico ma con sonorità moderne su "Never Sleep Alone" dove Issa alla voce, James Martin al sintetizzatori, Tom Martin alle chitarre e basso, Leon Robert Winteringham si sono indubbiamente esaltati dando fondo a tecnica e maestria nella composizione. In questo “Another World” che uscirà tramite Frontiers hanno partecipato altri artisti come Phil O Dea, Pete Newdeck, Colin Parkinson ecc... e il risultato lo conferma acquisendo in originalità e songwriting. Il brano che da il nome al album e "Only in the Dark" sono le due canzoni dove si nota maggiormente la crescita di questa artista e la sua versatilità sviluppatasi non di poco nel corso di questi anni, cosa non facile da trovare in altri musicisti. Per gli amanti dell' AoR e dell'heavy rock questo album è molto intrigante ed accattivante e non c'è nulla di scontato. Consigliato.

Luca