Maggio 2022

“Radiance" è il primo singolo del nuovo album dei The Dead Daisies, in uscita ad Agosto.  La band ha scritto e registrato negli ultimi due mesi a Los Angeles con lo stimato produttore Ben Grosse nei Mix Room Studios. Un'apertura fragorosa dà il via a "Radiance", un brano rock eclettico e pesante.  Il riff scava in profondità in un'atmosfera anni '70 originariamente scritta nell'industrioso cuore dell'Inghilterra.  Con la voce potente di Glenn Hughes, che sovrasta la tempesta musicale fornita dalle chitarre gemelle di Doug Aldrich e David Lowy e dalla batteria tonante di Brian Tichy. Il 3 giugno i Daisies arrivano in Europa per l'estate, dove calcheranno i palchi insieme a Judas Priest, Foreigner e Whitesnake, oltre a partecipare ad ambiti festival come il Graspop (Belgio), l'Hellfest e il God Save The Kouign Fest (Francia), il Masters Of Rock Festival (Repubblica Ceca) e il Time To Rock Festival (Svezia), oltre a una serie di show da headliner (il 2 luglio da noi al Fabrique, Milano)

click here to see video single

Published in News

 

 

CRASHDIET: live report @ Legend Club Milano 28 Maggio 2022

by Mark Panaia

Un appuntamento imperdibile per tutti i rockers e glamsters italiani, il concerto dei bravi Crashdiet! Cathouse non poteva mancare ed ecco quindi il live report del bravo Mark Panaia...

A tre anni di distanza dall'ultima esperienza italiana, tornano nel bel paese, gli sleaze rockers svedesi Crashdïet, per un'unica data all'interno del loro tour di promozione al nuovo album, fresco di uscita, "Automaton", ancora una volta a Milano in quel del Legend Club. Non un giorno qualsiasi questo 28 Maggio, in quanto, proprio in questo giorno di 42 anni fa, nasceva lo storico chitarrista, cantante e fondatore della band, Dave Lepard, scomparso suicida nel 2006 quando aveva soli 25 anni, mai dimenticato dai restanti membri del gruppo e da tutti i fans. Nuovo album, dicevamo, e nuova line-up dopo la recente fuoriuscita dalla band del batterista Erik Young, prontamente sostituito con l'ex batterista degli Hanoi Rocks, il finlandese Lacu. Ma veniamo allo show: in attesa degli svedesi, doveroso raccontare che a scaldare il numeroso pubblico accorso al Legend Club, sono stati i nostrani Poison Rose, che con il loro carico di hard rock, possiamo considerare un'orgoglio del nostro panorama hard&heavy. Ed eccoci ai Dïet. La band di Martin Sweet e Peter London (entrambi in splendida forma), ha alternato i potenti brani del nuovo lavoro con i successi che a suo tempo li hanno portati alla ribalta: "Riot In Everyone", "In The Raw" e "Queen Obscene" hanno letteralmente infiammato il pubblico milanese, merito anche della buona interpretazione da parte del giovane frontman Gabriel Keyes, forse non ancora all'altezza dei suoi più illustri predecessori ma in grado comunque di fornire una performance di livello e piena di energia. Nel mezzo una vera e propria chicca la cover di "Territorial Pissing" dei Nirvana, cantata in duetto da Martin e Peter. Verso il finale, una menzione particolare la merita l'esecuzione di "It's A Miracle", con tanto di intro chitarra e voce stile ballad: da brividi! In conclusione è stata una serata che ha portato una bella ventata di aria fresca dopo il lungo periodo di pandemia e restrizioni, una serata che i veri fans dei Dïet non potevano proprio perdersi!

La brava female singer gallese Chez Kane ha rilasciato in questi giorni "Powerzone", una canzone sbalorditiva, ma anche un'anteprima del suo secondo album da solista che sta attualmente ricevendo gli ultimi ritocchi e l'uscita è prevista per l'autunno di quest'anno by Frontiers Music srl.

click here to see video

Published in News

Uscirà per Frontiers Music Srl, in data 15 luglio 2022, il prossimo nuovo album in studio, "From The New World", del leggendario Alan Parsons. I fan possono ascoltare l'anteprima del nuovo album con l'uscita del singolo/video, 'Uroboros' che presenta il cantante/chitarrista Tommy Shaw degli STYX.

click here to see video

pre order - save album 

Published in News
Mercoledì, 25 Maggio 2022 22:16

JANI LIIMATAINEN "My Father's son"

 

 

Line up: Jani Liimatainen - guitars, keyboards, programming, Jonas Kuhlberg - bass, Rolf Pilve - drums, Jarkko Lahti - piano, Jens Johansson - guest keyboard solo, Janne Huttunen - guest saxophone solo

Tracklist: Breathing divinity (vocals: Björn “Speed” Strid), All Dreams Are Born To Die (Vocals: Tony Kakko), What Do You Want (Vocals: Renan Zonta), Who Are We (Vocals: Timo Kotipelto), Side By Side (Vocals: Pekka Heino), The Music Box (Vocals: Renan Zonta), Into The Fray (Vocals: Timo Kotipelto), I Could Stop Now (Vocals: Anette Olzon), Haunted House (Vocals: Jani Liimatainen), My Father's Son (Vocals: Antti Railio)

Il disco di cui vi racconto qualcosa oggi è dell’eclettico chitarrista/compositore finlandese Jani Liimatainen, all’attivo con moltissime band ma famoso per aver fondato un act dal notevole successo come i Sonata Artica (al solito vi rimando al web per i dettagli delle numerosissime collaborazioni di questo bravo artista). L’idea su cui si è lavorato è sfruttare la collaborazione con un novero decisamente ampio di singer per le linee vocali, componendo quindi il disco con una serie di song ove diverse sono le voci, sia principali che di supporto. La gamma dei singer chiamati a dare una mano coprono diversi collaboratori passati e presenti delle band di Jani e alcune special guest come Timo Kotipelko degli Stratovarius. E che dire del risultato ottenuto? Una prima influenza, e non può essere altra, è proprio il power di matrice scandinava a cui tanto Jani ha dato. E’ tuttavia la parte melodica e sinfonica che prettamente emerge dalle tracce, dando luogo anche a episodi decisamente fuori dallo stile originario come l’ottima ballad “Who we are”. Le canzoni variano in accordo alle caratteristiche di chi si trova dietro il microfono, ma quello che resta comune è che si dà ampio spazio agli effetti e alle tastiere, molto di più ad esempio che alle linee di chitarra. In alcuni punti si arrivano addirittura a toccare atmosfere quasi da power pop ottantiano (“The music box”) per poi tornare, ma solo occasionalmente in modo evidente, a linee più power (“Into the fray”). Il disco presenta in effetti diversi spunti interessanti e si ascolta con estremo piacere, apprendo poco scontato e accattivante. Le capacità compositive di Jani sono eccellenti e davvero è difficile che non si trovi originalità nelle tracce proposte; nulla da dire davvero né nel giudizio tecnico sui musicisti né sulla produzione, che anzi va a trovare suoni davvero eccellenti, che restano impressi da tanto che sono vibranti e passionali. Il limite del disco diventa la sua stessa genesi, oppure in positivo si può dire che questo disco non va considerato come un vero album ma una raccolta di collaborazioni: non decolla mai davvero infatti un’idea davvero unica del lavoro, che sembra restare sospeso a metà tra un’opera di metal sinfonico e un ottimo esercizio di capacità compositive e versatilità strumentale. Non esagererei nel ritenerlo un difetto all’album, che ha song eccellenti e si ascolta davvero volentieri. Non si vede però una collaborazione davvero orientata a focalizzare un’attività solista bensì un ottimo lavoro di versatilità musicale (ma potrei essere smentito). Resta comunque un ottimo ascolta per tutti gli amanti del chitarrista finlandese.

Nikki

Published in Albums

 Gli old school heavy metallers bolognesi GENGIS KHAN pubblicheranno il loro terzo full-length “Possessed By The Moon” il 27 maggio 2022 su Stormspell Records. In questi giorni è uscito il nuovo singolo, “Possessed By The Moon”.

click here to see video

pre order - save album

Published in News

Speciale triplo vinile colorato per commemorare i 35 anni dell'iconico debutto. contenente audio rimasterizzato e rare registrazioni pre Epicus del 1985, tra cui il leggendario demo "Witchcraft". Include anche un libretto di 8 pagine, un poster A2 e una lettera del fondatore, Leif edling. L'uscita è prevista per il 17 Giugno su Peaceville Records/Audioglobe 

click here to see trailer

Published in News

Frontiers Music Srl è entusiasta di annunciare l'imminente uscita di un nuovo album in studio dei metallers intergalattici Sick N' Beautiful, "Starstruck" il 15 luglio 2022. Sick N' Beautiful è l'ultimo spettacolo rock n' roll dallo spazio: un miscuglio unico di hard rock e metal moderno mixato con sfumature industriali, punk ed elettro-pop che si fondono in varie influenze provenienti da tutto lo spettro musicale per creare un suono tutto loro. Potete ascoltare il loro primo assaggio del nuovo album con l'uscita del singolo e del video musicale, "This Is Not The End".

click here to see video

pre order - save album 

Published in News

Michael Sweet (Stryper), Joel Hoekstra (Whitesnake, Trans-Siberian Orchestra), Marco Mendoza, Tommy Aldridge (Whitesnake) e Nathan James (Inglorious) usciranno con la loro band Iconic e l'album "Second Skin" il prossimo 17 Giugno, by Frontiers Music srl. Ascoltatevi il nuovo singolo "Fat As You Can"

click here to see video

pre order - save album

Published in News
Giovedì, 19 Maggio 2022 00:09

THE BIG DEAL “First Bite”

 

 

 

Line up: Srdjan Brankovic – guitars, Nevena Brankovic – vocals and keyboards, Ana Nikolic – vocals, Marko Milojevic – drums, Alessandro Del Vecchio - bass

Tracklist: Never Say Never, I Need You Here Tonight, Sensational, Top Heaven, Wake The Fire, In The Dead Of The Night, Rebel Lady, Power On, Bad Times, Good Times, Fallen, Lady Of The Night

Bell'esordio discografico per questo combo serbo che risponde al nome di The Big Deal! I nostri sono nati da un'idea dei coniugi Brankovic, il chitarrista, compositore e produttore Srdjan e la moglie, l'avvenente e brava vocalist, piano e keyboards player, Nevena. Attorno a loro si è creata la band con l'aggiunta di un'altra female vocalist d'eccezione Ana Nikolic; devo ammettere che il connubio di entrambe le voci da il giusto “tiro” a questo “First Bite” e impreziosisce il già elegante arrangiamento e le sonorità heavy rock di questo gruppo. Il suono è molto curato ed è sicuramente commerciale in quanto ammalia anche se dotato di frangenti hard di tutto rispetto come l'up tempo “Power On”, l'incalzante “Top Heaven” ma anche l'elettrizzante opener “Never Say Never”. La giusta carica di energia quindi che rende il prodotto fruibile a più palati musicali. E' come se avessimo preso i Femme Fatale shakerati coi Romeo's Doughter e gli avessimo iniettato una bella dose di heavy rock con un guitar sound più marcato e tagliente; ecco, questo potrebbe essere il risultato del The Big Deal soundstyle! Pregevoli sono anche gli inserti di keyboards work della brava Nevena che da sfoggio della sua accademia musicale. Tutto l'album scorre senza intoppi tra momenti più hard come quelli già menzionati e altri più fm rock come “Sensational” o “Wake The Fire” senza tralasciare song dedite ad un ottimo heavy rock quali “In The Dead Of The Night”. In definitiva un bel prodotto che mi sento di consigliare caldamente a tutti.

Roby Comanducci

Published in Albums
Pagina 1 di 3