Settembre 2021

I Katatonia pubblicheranno Mnemosynean il 1° ottobre 2021 tramite Peaceville Records/Audioglobe. Questa nuova uscita segna 30 anni dalla formazione di una delle band più enigmatiche e accattivanti del genere dark rock/prog. Mnemosynean contiene una vasta collezione di tutte le rarità e B-sides dei Katatonia, comprese tracce dai numerosi EP della band, canzoni inedite degli album, bonus in edizione speciale limitata, cover, così come una serie di remix collaborativi. Il viaggio di Mnemosynean attraversa l'epoca sperimentale e gotica di 'Scarlet Heavens', registrata nel lontano 1994, fino ai brani registrati durante le sessioni per la stellare opera del 2016, The Fall of Hearts. Il titolo intrigante di 'Mnemosynean' rappresenta i ricordi ed è stato scelto perché le iscrizioni tombali risalenti al 400 a.C. dicono che i morti potevano mantenere i loro ricordi evitando di bere dal Lete, e bere invece dal flusso che scorre dal lago di Mnemosyne (la dea della memoria). Dopo una prima serie di uscite Death doom che stabilirono saldamente e rapidamente i Katatonia come una forza trainante nell'underground degli anni '90, gli svedesi, guidati da Jonas Renkse e Anders Nyström, arrivarono alla vera ribalta dopo una transizione verso uno stile rock più metal, elegante, scuro e oscuro, abbracciando pienamente i concetti di decadenza urbana e sociale, ma mantenendo anche alcuni dei tratti distintivi del loro primo repertorio, come i lead di chitarra melodici malinconici e immediatamente identificabili. Il 2020 ha visto i Katatonia presentare la loro undicesima opera in studio, lo struggente City Burials, con un successo unanime.  Con un evento globale in qualche modo imprevisto e l'impossibilità di fare un tour, la band ha voluto comunque esibirsi per i suoi fan attraverso uno show più intimo online da "lockdown" che è stato trasmesso in diretta dallo Studio Grondahl. Questo spettacolo è stato pubblicato come Dead Air alla fine del 2020 e offre ai fan un set live completo di 88 minuti contenente 20 brani del vasto e illustre repertorio della band fino ad oggi. La confezione di Mnemosynean include una nuova biografia della band per gentile concessione della giornalista musicale Eleanor Goodman, così come i testi completi più le note sull’origine dei brani descritti dai membri fondatori Anders Nyström e Jonas Renkse, insieme ad altri stretti collaboratori dei Katatonia. L'artwork per questa uscita è stato creato dall'artista collaboratore di lunga data dei Katatonia Travis Smith. MNEMOSYNEAN sarà pubblicato da Peaceville il 1° ottobre, su Doppio CD, triplo LP deluxe su vinile nero, triplo LP deluxe su vinile bianco (disponibile solo attraverso i negozi dell'etichetta Peaceville e lo store della band) e in digitale con PRE-ORDINI DISPONIBILI QUI

click here to see trailer

Published in News

I The Big Deal, una new melodic hard rock band dalla Serbia, pubblicheranno il loro album di debutto nel 2022 (by Frontiers Music srl), ma nel frattempo, ecco la cover appena pubblicata di "Amaranth" dei Nightwish. 

click here to see video

Published in News

Dalla Danimarca tornano i bravi Volbeat che ci annunciano per il 3 dicembre 2021 (by Universal Music) l’uscita del nuovo album in studio, ‘Servant Of The Mind’. Ascoltatevi il nuovo singolo ‘Shotgun Blues’.

click here to see video

Published in News

La band THE CATECHISTS è lieta di annunciare il nuovo EP “Faded Away… Rust And Strings” in uscita il 5 novembre 2021 su Tortonia Records. Per dare agli ascoltatori un assaggio delle sei nuove tracce di puro e ruvido rock blues acustico, i THE CATECHISTS hanno presentato la prima canzone intitolata ‘The Song Of Revenge’. La band commenta sul singolo: “‘The Song Of Revenge’ racconta una storia macabra, a tratti grottesca, in chiave esoterica. La colonna sonora è un sound dai forti richiami western all'italiana!”  I THE CATECHISTS nascono nel 2010 e il loro sound si contraddistingue da subito per la propria unicità. I primi due demo, “Cleaning Under Sunshine”(2011) e “Time To Survive” (2015), vedono la band intraprendere un percorso verso un panorama sonoro più tradizionale e professionale, con registrazioni senza editing e tramite sorgenti analogiche. Dopo l’EP del 2018 “Roots In The Sand”, i THE CATECHISTS tornano subito al lavoro sulla loro nuova opera, “Faded Away... Rust And Strings” che The Cardinal, mastermind della band, descrive così: “Faded Away... Rust And Strings" ha un approccio diverso da quanto fatto fino ad ora. Abbiamo cercato di mantenere il nostro sound ruvido come sempre, ma questa volta con le chitarre acustiche. Blues rock in chiave moderna, cupo e sabbioso come deve essere!”

listen or download song

pre-order EP

band info

Published in News

 

Sabato 9 Ottobre 2021 @ @ CIRCLE – Corsico (Milano)

TORNA L'APPUNTAMENTO CON LA SERATA DEDICATA ALLA MIGLIOR MUSICA DEGLI ANNI '80!

'80's REWIND - From Rock to Pop! + Live MADAME SADOWSKY
 
*************************************************************
doors open at 22:00
start live 22.45 circa
 
dal vivo:
MADAME SADOWSKY - A Tribute to New Wave
https://www.facebook.com/madamesadowsky/
 
aftershow:
MUSIC SELECTION BY CATHOUSE Crew
ANIMAZIONE & PROIEZIONE VIDEOS di quel magico periodo!
SOLO MUSICA DAL 1980 AL 1989
 
Andremo quindi a creare un mashup tra musica POP e musica ROCK. Avrete modo quindi di ascoltare pop hit di Madonna, Duran Duran, Tears for Fears, Spandau Ballet, Depeche Mode, Dead or Alive, New Order, Sig Sig Sputnik, Michael Jackson, Roxette, Bangles, Bananarama e rock hit di Europe, Billy Idol, Doctor and the Medics, Blondie, Iggy Pop, Bruce Springsteen, Queen, David Bowie, Motley Crue, Van Halen, Toto, Litfiba, Bonnie Tyler, Survivor, Journey, Aerosmith, ......senza però scadere nelle song trash del periodo. Tutta musica di qualità quindi! Vi aspettiamo
 
*******
INGRESSO 10 EURO compresa 1 consumazione per i tesserati
INGRESSO 10 EURO + 5 EURO TESSERA (validità annuale) compresa 1 consumazione per i non tesserati
*******
la tessera verrà compilata e CONSEGNATA direttamente all'ingresso del locale
*******
PRENOTAZIONE fortemente consigliata (causa numero contingentato di posti)
per farlo basta inviare una mail con su il nome e il numero di persone a:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

******
Portare sempre la mascherina
Rilevazione della temperatura all'ingresso del locale
Mantenere la distanza di un metro dalle altre persone
Evitare assembramenti sia all'interno che all'esterno del locale
Ingresso consentito fino a raggiungimento capienza massima del locale
Sarà data precedenza alle persone che hanno prenotato
Tessera club/associazione obbligatoria con validità annuale (per chi viene per la prima volta)
La serata si svolgerà in ottemperanza ai regolamenti dell'ultimo DPCM Governativo
******
 
LINK UTILI
https://www.facebook.com/80rewind
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
INDIRIZZO
Circle S&S
Via Cristoforo Colombo, 8, 20094 Corsico MI, Italia
Published in Latest Event

 

 

Tracklist: Between Worlds, These walls, Life enough for me, Times of change, No escape, Soul Chaser, Scent of an angel, Beautiful disaster, Flip the script, Beneath the surface, Calm before the storm

Line up: Mike Munroe - vocals, Alessandro del Vecchio - keyboards, backing vocals, Pete Alpenborg - rythm guitars, Jack Frost - lead guitars, Alex Jansen - bass, Michele Sanna - drums, John Lee Middleton - bass on "No escape", Joel Hoekstra - lead guitar on "Soul Chaser", Chris Caffery - lead guitar on "Scent of an Angel" and "No Escape"

Il disco che recensisco oggi ha avuto una lunga gestazione, in quanto arriva a circa due anni dall’incontro di due nomi come Alessandro Del Vecchio e Ronny Munroe, che fin da subito iniziarono a lavorare all’idea di un disco assieme, nell’ottica di riproporre un progetto classic/power metal sulla scia delle vecchie collaborazioni di Ronny, ovviamente a partire dai Metal Church. Il lungo periodo trascorso, solo in parte dovuto agli impegni artistici di entrambi, ha portato a un buon risultato, decisamente orecchiabile e in parte sufficientemente innovativo, che ripaga sicuramente l’attesa. Innanzitutto il progetto musicale creatosi ha raccolto alcune vecchie conoscenze di entrambi, che si rivelano ben affiatate, e diversi guest di spessore, su tutti (parere mio) Chris Caffery dei Savatage; al di là dei nomi la proposta si rivela solida e con il consueto mestiere nel ruolo di compositore Alessandro ci guida nuovamente in un lavoro di tutto rispetto in ambito heavy. Il genere proposto ha le sue solide basi nel metal più power ed epico d’oltreoceano, nomi come Crimson Glory ma anche gli stessi Savatage nelle parti più d’atmosfera come riferimenti non stupiranno i lettori. Si nota all’interno del disco una digressione tra la prima parte più diretta e suonata, che man mano passa a una sezione più d’atmosfera e incentrata sul lavoro alle tastiere di Alessandro (si pensi a “Scent of an Angel”); la chiusura del disco è poi affidata alle più aggressive “Beneath the surface” e “Calm before the storm”, ma il culmine compositivo del disco mi pare l’ottima “Beautiful disaster” che interrompe l’appena citata digressione melodica a metà del lavoro. Il tutto accompagna molto bene, con un’ampia gamma di tracciati melodici, la perfetta esecuzione delle linee vocali del singer d’oltreoceano. E’ in effetti questo in sintesi il grande pregio di questo lavoro: permette alla voce dell’ex Metal Church di mostrarsi nei suoi vari registri, dimostrando i suoi pregi, il tono roco ma molto melodico, l’estensione e la potenza, quindi il suo essere perfettamente a suo agio in un lavoro dallo stile classico ma che si permette alcune importanti divagazioni melodiche. Unica pecca, secondo me, la produzione, forse concentrandosi nettamente sul mettere in risalto il cantato, pecca un po’ nella resa della sezione ritmica, in particolare della batteria e in alcune linee di accompagnamento alla chitarra. Al netto di ciò, il disco è ben ispirato e riuscito, e il tempo speso (al di là di quanto sia stata effettivamente lunga la parte creativa, per i motivi già inizialmente menzionati) ha dato i suoi frutti. Un ottimo lavoro in ambito metal e un ascolto consigliato.

Nikki

Published in Albums

Sneakout Records & Burning Minds Music Group sono lieti di annunciare i dettagli di “Rock ‘n’ Roll Rebirth”, debut album degli hard rocker 5ive Years Gone. Fondati dal chitarrista Davide Falconetti e dal cantante Paolo Cernic, influenzati dai classici gruppi arena rock degli anni '80 e in parte da certo punk rock, i 5ive Years Gone suonano un hard rock senza fronzoli, melodico, orecchiabile e guitar-oriented, con accenni rock & roll e blues. La band è completata dal chitarrista/pianista Andrea Imbergamo, dal bassista Andrea Cok e dal batterista Michael Bonanno. Originariamente autoprodotto in digitale nel 2020, "Rock 'n' Roll Rebirth" è stato completamente re-mixato e ri-masterizzato. Il logo e la copertina di questa nuova edizione sono stati progettati dalla talentuosa Aeglos Art (Platens, Raintimes, Michael Kratz, Wheels Of Fire, Alchemy), che ha anche sviluppato la grafica del CD. L’uscita di "Rock ‘n’ Roll Rebirth" è prevista per il 5 Novembre 2021 tramite Sneakout Records / Burning Minds Music Group, con la distribuzione mondiale curata da Plastic Head.

band info

Published in News
Mercoledì, 22 Settembre 2021 00:00

JOHN DALLAS “Love & Glory”

 

 

 

Line up: John Dallas – vocals, rhythm guitar, Tom Angeles – lead guitar, Black Sam Carbo – bass, Andy Palermo – drums, keyboards.

Tracklist: Anymore, Bad Sister, Drive Me Tonight, Glory, John Dallas, Love Never Dies, Dancing All Night, I’ll Be Waiting, Shine On, Lovers, Wasted

E' bello riscontrare che ancora oggi nel nostro “stivaletto” riusciamo a partorire band e artisti che omaggiano il grande hair metal ottantiano e non si accodano alla schiera di band modaiole attuali tutte “cattiveria e urla growl”. E' il caso infatti del qui presente singer, chitarrista e songwriter John Dallas attivo dal 2015 anno in cui diede alle stampe il debut album “Wild Life”, accolto bene da critica e pubblico. Questo “Love & Glory” è quindi il secondo atto di Dallas che coi suoi compagni di ventura (tra cui figura il drummer Andy degli Speed Stroke, nda) ci regala un platter che è il classico omaggio ai mitici eighties/nineties; hard rock a tratti grintoso e in altri frangenti commerciale ma sempre e comunque da vasto airplay, un sound che omaggia l'fm rock americano e il rock da classifica. Sembra di riascoltare classici come Rick Cua e Rough Cutt e, scusate se è poco, il paragone direi che è più che lusinghiero. La musica che scaturisce dalle canzoni di John è ammaliante e ruffiana, catchy e maliziosa, come se stessimo vivendo ancora ai tempi del glorioso Sunset Boulevard; infatti in alcune song non mancano rumorini, voci femminili, suoni di strada, sirene....insomma, un bel pacchetto molto street rock. “Dancing All Night” e “Drive me Tonight” stanno a dimostrare quanto appena scritto ma anche il pulsante heavy rock dell'opener “Anymore” o lo street rock di “Bad Sister”. In definitiva un disco ben fatto che ricalca sì fedelmente gli stilemi di un tempo ma ci mette anche quel pizzico di brio che saprà catturarvi.

Roby Comanducci

 

Published in Albums

La passione degli Enuff Z'Nuff per i The Beatles è stata più che ben documentata nel corso degli anni. La band, ora guidata dal co-fondatore Chip Z'Nuff, ha finalmente deciso di puntare tutto su questa loro passione/dedizione verso i "Baronetti" con l'uscita di "Enuff Z'Nuff's Hardrock Nite", un cover album di alcune delle loro canzoni preferite dei Beatles e di alcuni membri dei Beatles da solisti. L'album uscirà il 12 novembre 2021. Ascoltatevi il singolo/video "Cold Turkey".

click here to see video

 

Published in News
Sabato, 18 Settembre 2021 00:43

ROBBEN FORD “Pure”

 

 

 

Line up: Robben Ford – guitar, Jeff Coffin – saxophone, Russell Ferrante – keyboards, Bill Evans – saxophone, Jimmy Malis – oud, Steve Mackey – bass, Anton Nesbitt - bass, Dave Row - bass, Casey Wasner – drums, Toss Panos – drums, Shannon Forest – drums, Patrick Ford – drums, Wes Little – percussion, Satnam Ramgotra – tablas. Additional Instrumentation: Robben Ford – keyboards, Brian Allen - acoustic bass, bass.

Tracklist: Pure (prelude), White Rock Beer ... 8 Cents, Balafon, Milam Palmo, Go, Blues For Lonnie Johnson, A Dragon's Tail, Pure, If You Want Me Too

Parlare di Robben Ford è sicuramente gaudio per chi -come il sottoscritto- è da sempre un estimatore dei gutar player e del suono di questo strumento magico! Moltissimi lo conosceranno ma, magari per i più giovani o per chi non è pienamente “dentro” il guitar world, dico solo che Ford è in assoluto uno dei più stimati e considerati chitarristi al mondo; il qui presente signore ha suonato con gente del calibro di Miles Davis, Joni Mitchell, George Harrison, Bob Dylan, Greg Allman oltre che aver inciso diciannove dischi e suonato in ogni parte del globo. Robben è tra i più quotati compositori/esecutori della chitarra blues ed anche – e soprattutto- fusion e jazz. Potrete quindi immaginare cosa possa uscire dai solchi (beh....per chi compra il vinile hehe, nda) dei suoi album e, in special modo, di questo ultimissimo ed interamente strumentale “Pure”. Questo album è un autentico insieme di colori, suoni, emozioni che si dipanano nella mente dell'ascoltatore. Un sound delicato che ti accarezza e ti culla con fraseggi di chitarra da antologia ma anche ammalianti passaggi blues e tecnicismi sopraffini quando si addentra in territori fusion. Però, specifico, il suono non è mai freddo o ripetitivo, non stanca o affatica l'ascolto come certi prodotti jazz-fusion rock troppo articolati e cervellotici. No, Ford mette la sua tecnica al servizio della song e ne scaturisce fuori un sound caldo e ricco di pathos. Potrei fare accostamenti a Steve Morse solista o ai “funambolici” Dixie Dregs anche se “Pure” nella sua complessità esecutiva riesce ad essere più digeribile per chi non ha un orecchio allenato. Tutte le tracce sono degne di nota, è un turbinio di suoni; l'intrigante e malizioso blues rock di “White Rock Beer...” con tanto di sezione fiati ad impreziosire il tutto, lo slow blues carico di pathos su “Balafon”, l'eclettico groove funky di “Go”, le impareggiabili eufonie del lento “Blues For Lonnie Johnson” ma anche il tecnicismo miscelato alla pulsante energia della fusion/jazz “A Dragon's Tail” e della title track. Un disco imperdibile, dedicato a tutti coloro che amano la chitarra e vogliono passare 45 minuti circa regalandosi il piacere di ascoltare vera musica!

Roby Comanducci

Published in Albums
Pagina 1 di 3