ORIANTHI “Live From Hollywood”

  • Artist: ORIANTHI
  • Release Date: Venerdì, 15 Luglio 2022
  • Genre: guitar, hard blues
  • Production by: Frontiers Music s.r.l.
  • Voto: 4

 

 

 

Line up: Orianthi - guitar, vocals, Nick Maybury – guitar, Carmen Vandenberg – guitar, Justin Andres – bass, Michael Bearden – keyboards, Glen Sobel - drums

Tracklist: Contagious, Sinners Hymn, Heaven In This Hell, Think Like A Man, You Don't Wanna Know, What's It Gonna Be, Blow, Impulsive, Blues Won't Leave Me Alone, According To You, How Do You Sleep

Ed eccoci qua, nonostante io non sia un “fan” degli album dal vivo, mi sono dovuto ricredere (ma questo capita spesso se si tratta di validi artisti!) e sono pronto a “buttar giù due righe” (termine obsoleto poiché oramai non scrive più nessuno....bensì si “digita sul pc hehehe...nda). La bionda guitar hero in questione a circa due anni dall'eccellente album solista “O” sempre da me recensito (potete curiosare e leggere la review scorrendo indietro nelle pagine della sezione recensioni....nda) ci propone questo live registrato in quel di Hollywood, accompagnata da altri -ottimi- musicisti e non dai fratelli Frederiksen complici dell'ottima riuscita delle parti ritmiche del già menzionato “O”. Ma, dunque, com'è questo “Live From Hollywood”? Beh....un live onesto, diretto, semplice ma dal forte impatto emotivo con un forte mood che pervade tutta la durata dello show. Una band di livello che accompagna la signorina Panagaris soprattutto per quanto concerne le parti di chitarra con ben altri due guitar player che riescono a conferire maggiore incisività per un risultato finale di sicuro effetto e danno la possibilità ad Orianthi di potere sfoggiare tutte le sue abilità tecniche ed il suo feeling nelle parti soliste di chitarra. I brani proposti sono un mix tra l'ultimo disco e altri pezzi tra cui il suo classico “According To You” (dall'album “Believe” 2009, nda). Inutile descrivere le canzoni poiché molti di voi le conosceranno già avendole sentite in studio; la cosa importante, che poi è la base per qualsiasi live album, è la capacità di trasmettere qualcosa di profondo, di ammaliare l'ascoltatore e stupirlo creandogli la magia che solo un'esibizione dal vivo può fare. Non, quindi, l'abilità di svolgere il compitino perfetto e riprodurre fedelmente i pezzi registrati in studio ma, importantissimo, la capacità di improvvisare, di fare -bene- slide guitar, di iniettare elettricità agli ascoltatori. D'altronde la nostra chitarrista fonde al meglio un modern rock con tanto blues e hard blues e, dal vivo, non può che uscirne una miscela esplosiva! Se proprio volete un esempio beh...ascoltatevi cosa “esce da quella sei corde” nell'esecuzione della melodica e superba “Blues Won't Leave Me Alone“ (song scritta con Richie Sambora e presente su Rso “Radio Free America” album del 2018, project album dell'ex Bon Jovi con presente la nostra biondina, nda), brano che da solo vale l'acquisto del cd! Disco consigliatissimo a tutti, anche a chi non l'ha mai ascoltata; in questo caso sarebbe l'occasione perfetta per poi “accaparrarsi” tutti i suoi dischi in studio.

Roby Comanducci