W.E.T “Retransmission”

  • Artist: W.E.T
  • Release Date: Venerdì, 22 Gennaio 2021
  • Genre: hard rock
  • Production by: Frontiers
  • Voto: 4

Line-up: Jeff Scott Soto - lead vocals, Erik Martensson - all rhythm guitar, some lead guitar, backing vocals & keyboards, Robert Säll - keys and guitar, Magnus Henriksson - lead guitar, Andreas Passmark - bass guitar, Robban Bäck – drums

Tracklist: Big Boys Don't Cry, The Moment Of Truth, The Call Of The Wild, Got To Be About Love, Beautiful Game, How Far To Babylonl, Coming Home, What Are You Waiting For, You Better Believe It, How Do I Know, One Final Kiss

In assoluto uno dei talenti musicali più longevi del nostro beneamato settore hard&heavy. Mr. Soto c'è dal lontano 1982 ed ancora oggi a 55 anni ci fa letteralmente godere ad ogni sua uscita discografica. Il nostro ha una discografia da “paura”, sforna dischi in continuazione altalenandoli tra il suo progetto solista a suo nome, i Talisman, i WET, i Sons of Apollo e mille collaborazioni e apparizioni con tantissimi artisti. Ultimo è stato il suo lavoro “Wide Awake (In My Dreamland)” recensito dal nostro Nikki che ne ha lodato le caratteristiche e spiegato le peculiarità, ed ora eccolo ritornare con i WET per questo quarto full lenght album “Retransmission” con la line up originale sin dall'esordio targato 2009. Il risultato? Una autentica bomba! Con questa formazione poi il nostro suona un hard rock corposo ed energico che si avviluppa su un potente e roccioso guitar work e si stempera con l'arrangiamento delle keyboards deliziandoci nella sua pomposità finale. Non mi capacito come Jeff dopo tantissimi anni riesca ancora a stupirci per la freschezza di molte sue composizioni e la sua classe che non perde un colpo da decenni, ci sono band che già al secondo disco navigano nel mare della ripetitività!! Ma qui siamo al cospetto di un singer e frontman di alta classe che anche in questo “Retransmission” ci tiene incollati all'ascolto e ci galvanizza per una buona oretta. Undici song senza una caduta di tono, tutte degne di nota; non una sbavatura, un passo falso, niente. In ogni caso su tutte cito il tris di gioielli: 'The Call of The Wild', 'How Far to Babylon' e 'Beautiful Game' che da sole valgono l'acquisto di “Retransmittion”. Non perdetevelo, acquisto straconsigliato!

Roby Comanducci