Roberto

Roberto

Gli svedesi Cruzh sono tornati con un nuovo cantante, Alex Waghorn, e un nuovo album, "Tropical Thunder", che uscirà il 6 agosto 2021 tramite Frontiers Music Srl. Intanto potete gustarvi il nuovo video/single "We Go Together". 

click here to see video single 

band info

pre-order save album

Mag 30

ANTIHELD “Disturbia"

 

 

 

Luca Opifanti - vocals & guitar, André Zweifel – guitar, Matze Brendle – bass, Sven Fischer – drums, Henry Kasper - accordion & piano

Tracklisting: Sommer unseres lebens, Motten um licht, My only friend, Irgendwo stirbt grad ein kind, Himmelblau, Standing in line, Chaos, Alles gute für den winter, Oh bitte, mach mich ein letztes mal kaputt, Alles nichts, Wiegenlied, Von schmerz & apotheken

Indubbiamente interessante questo nuovo full lenght album della band di Stoccarda Antiheld che, passata da poco sotto etichetta Arising Empire, ha evoluto il suo sound su stilemi più rock oriented. Il loro mix musicale va a pescare dall'indie rock al pop, da un pizzico di grunge a qualche spruzzata di punk e alternative/modern rock con rimandi a band quali Thrice e Highly Suspect, il tutto -piacevolmente- cantato in lingua madre (tedesco) che conferisce la giusta verve e carattere ad un lavoro già di per se originale e avvolgente in diversi frangenti. E' sicuramente piacevole la “melanconia” che traspare in certe song, un'attitudine sonora che evoca atmosfere introspettive e stuzzica l'immaginazione dell'ascoltatore. Quanto appena scritto calza a pennello per spiegare le eufonie intimiste della bella 'Irgendwo stirbt grad ein kind', ma anche in altri brani i nostri tedesconi riescono a dare quella verve di magnetismo dalle tinte pop rock ma sempre e comunque arrangiato con maestria e carico di pathos. E' questo il caso dell'interessante 'Standing in line' che inizia con un cantato lento e “parlato”, quasi “recitato”, per poi prendere vigore ma sempre rimanendo su partiture melodiche e melanconiche, quasi fosse una specie di riflessione in musica impreziosita da delle chorus line in Linkin Park style. Particolare e tecnica è la breve intro 'Chaos', poco più di un minuto, dove di contorno ad un parlato filtrato si dipanano passaggi jazz e fusion per poi far partire la song 'Alles gute für den winter', buon esempio di new modern rock. Se invece volete un poco di pulsante adrenalina servitevi immediatamente dell'opener 'Sommer unseres lebens', commerciale al punto giusto senza essere banale e dedita ad un pop-rock intrigante e bel elaborato. Una band assolutamente diversa dal marasma di acts musicali che stanno uscendo in questo periodo e che merita assolutamente di essere presa in cosiderazione. Bravi!

Roby Comanducci

band info

 

I leggendari hard rocker Night Ranger pubblicheranno il loro dodicesimo album in studio, "ATBPO" il 6 agosto 2021 tramite Frontiers Music Srl. "ATBPO" sta per And The Band Played On, un'ode al fare musica durante l'era covid. Sarà disponibile su CD e vinile (diverse edizioni limitate, versioni in vinile a colori), nonché in digitale su tutte le piattaforme di streaming. Oggi, godetevi il loro primo assaggio dell'album con l'uscita di "Breakout", il primo singolo e video musicale.

Line up: Line-Up: Jack Blades - Bass and Vocals, Kelly Keagy - Drums and Vocals, Brad Gillis - Guitars, Eric Levy - Keyboards, Keri Kelli – Guitars

click here to see video single

band info

pre-order album

 
Frontiers Music Srl è entusiasta di annunciare l'uscita dell'album di debutto di uno dei loro nuovi progetti più entusiasmanti, una collaborazione tra la potente vocalist finlandese Noora Louhimo (Battle Beast) e Netta Laurenne (Smackbound), sotto il moniker Laurenne / Louhimo. "The Reckoning" uscirà il 9 luglio 2021 su CD / LP / Digital. Oggi, potete avere il primo assaggio dell'album con i ritmi martellanti del singolo di debutto e del video musicale, "Bitch Fire", che presenta un assolo di chitarra del guest guitar player Samy Elbanna dei Lost Society.
 
 
Mag 23

TOMMY LEE “Andro”

 

 

 

Line up: Tommy Lee: drums, backing vocals

Tracklsit: Knock Me Down (feat. Killvein), You Dancy (feat. Lukas Rossi), Ain’t Telling Me Nothing (feat. PAV4N), Soma Coma (feat. Shotty Horroh), When You Were Mine (Prince cover) (feat. Lukas Rossi), Hot Fudge Sundae (feat. Josh Todd), Caviar On a Paper Plate (feat. Mickey Avalon), Leave Me Alone (feat. Killvein), Demon Bitches (feat. Brooke Candy & Moon Bounce), P.R.E.T.T.Y. (feat. King Elle Noir),Tops (feat. Push Push), Make This Storm (feat. King Elle Noir), Make It Back (feat. PLYA), Tommy Lee (Tommy Lee remix) (feat. Post Malone & Tyla Yaweh)

Allora amici rockettari, mettetevi comodi, ben seduti e con calma , se volete, schiacciate “play” del vostro lettore cd per l'ascolto di “Andro” (album uscito ad Ottobre 2020 ma solo adesso in mio possesso...nda!!) Ammesso e concesso che stiamo parlando di uno dei batteristi più quotati dell'intero panorama rock mondiale. Ammesso e concesso che il medesimo drummer è anche colui che picchia le pelli in una delle band rock'n'roll più famose al mondo. Ammesso e concesso che il qui presente ed arzillo sessantenne è indubbiamente un pazzo scriteriato capace di mille peripezie non solo musicali. Beh. Dopo aver appurato tutto questo veniamo incontro alla nuova fatica in studio di Mr. Tommy Lee: “Andro”. Ok. Tommy è un TAMARRO, il dato è appurato e sappiamo tutti che il personaggio in questione è da sempre stato il più “stravagante” in quanto ad influenze e gusti musicali dei quattro della “Ciurmaglia Colorita”. Già in passato con la sua project band Methods of Mayhem, Lee andò ad accarezzare sentieri industrial/nu metal/rap, con anche un discreto risultato a mio modesto parere. Inoltre sappiamo bene l'amore del drummer per la “musica nera” da ghetto e di tutto quel mondo pazzoide e colorito che gli gira intorno. Infatti questo “Andro” non c'entra assolutamente nulla con il mondo rock (se non per alcune tracce) e men che meno con l'heavy ma anche l'alternative. Scordatevi tutto questo; il qui presente album è un accurato mix di dubstep, elettronica, hip hop, rap dove Lee si avvale della collaborazione di illustri ospiti del settore e cesella quattordici tracce una diversa dall'altra senza un filo conduttore ma, credo, una gran voglia di far casino registrando le sonorità a lui più care in questo periodo. Fare una recensione di questo disco su Cathouse è abbastanza insolito, ma al buon Tommy glielo devo/dobbiamo, non per altro per tutto quello che ha fatto coi Crue! Come dicevo in queste tracce c'è ben poco rock eccetto che per l'opener 'Knock Me Down', pezzo incazzato, duro e potente, rappato al punto giusto che rimembra qualcosa dei Korn e dei suoi vecchi Methods of Mayhem. Un altro brano che si lascia ascoltare piacevolmente è la bella “You Dancy” con alla voce Lukas Rossi (già con Lee in precedenti lavori), una sorta di dubstep con elettronica raffinata e una buona personalità. La terza traccia ascoltabile dai nostri “palati rock” è l'elegante cover del brano di Prince 'When You Were Mine' interpretata egregiamente dal già menzionato Lukas Rossi. Quarta traccia interessante è lo zuccheroso pop di 'P.R.E.T.T.Y.' impreziosito dalla bella interpretazione della female singer King Elle Noir. Se poi volete immergervi in atmosfere disco dance/elettroniche con rimandi a pop, trip hop e downbeat ascoltatevi 'Make It Back '. Gli altri pezzi presenti nel disco non li menziono poiché, anche se indubbiamente suonati con maestria per il genere proposto e con l'ausilio di ottimi session man (sempre del suddetto genere), sono troppo anche per chi, come il sottoscritto, ha vedute musicali abbastanza aperte. Ma questo è Tommy Lee. Prendere o lasciare. Album sconsigliato a chi vive di solo hard'n'heavy e/o di sonorita rock et similia. Se invece avete la “mente mooooolto aperta” e siete curiosi di ascoltare beh..... provateci!

Roby Comanducci