Maggio 2021

Dopo il successo del loro primo singolo i Mylane tornano con un nuovo brano dal titolo Unbreakable dalle tematiche molto attuali. I Mylane sono un gruppo alternative metal italiano formatosi nel 2019 e composto da Andrea Curti alla chitarra, Fulvio Santarpia alla batteria, Pietro Canette alla voce e Luca Maddonini al basso. Il loro stile è caratterizzato dal sapiente susseguirsi di suoni di chitarra dinamici e riff potenti alla Breaking Benjamin i quali vanno a valorizzare una voce pulita e avvolgente che ricorda quella di Matt Walst, cantante dei Three Days Grace, coadiuvata da parti elettroniche e orchestrali alla RED.

click here to see video single

band info

Published in News
HEAVEN & EARTH annunciano il nuovo full lenght album schedulato per il 16 luglio 2021 dal titolo "V" by Frontiers Music srl. La formazione degli Heaven & Earth include Gianluca Petralia (voce), Stuart Smith (chitarra), Lynn Sorensen (basso), George Barabas (organo e tastiera Hammond) e Simon Wright (batteria, percussioni). Sono a tutti gli effetti una band "internazionale" con un cantante italiano, un tastierista con sede in Ungheria e due britannici che vivono negli Stati Uniti. Ascoltatevi per adesso il nuovo singolo estratto, "Drive".
 
Published in News

In attesa del nuovo album "Resurrection" schedulato per il prossimo 16 Luglio 2021, l'ottimo guitar player del Missouri nonché songwriter, singer, record producer e co-fondatore dei Royal Southern Brotherhood, Mike Zito, ci presenta il nuovo singolo  ‘I’ll Make Love To You’.

click here to see video single

Published in News
Lunedì, 17 Maggio 2021 23:49

DIRTY HONEY “Dirty Honey"

 



Line up: Marc Labelle – vocals, John Notto – guitar, Justin Smolian – bass guitar, Corey Coverstone – drums

Tracklist: California Dreamin’, The Wire, Tied Up, Take My Hand, Gypsy, No Warning, The Morning, Another Last Time

Formatisi a Los Angeles nel 2017 i Dirty Honey vengono (a detta di alcuni) considerati la “risposta” ai bravi Greta Van Fleet. Due band con alcuni punti di “contatto”; la giovane età, il successo arrivato quasi immediatamente, il suono retrò e le matrici hard blues. Onestamente apprezzo entrambe le formazioni e credo possano convivere tranquillamente senza creare conflitti di alcun tipo. I qui presenti DH sono 'in giro' da solo tre anni ed anno un Ep alle spalle autoprodotto uscito nel 2019 e una miriade di concerti in lungo e in largo per il mondo di supporto ad artisti quali Alter Bridge, Guns n' Roses, Skillet e altri ancora. Il loro sound è un mix di potente hard rock e blues rock che prende a piene mani dagli anni settanta per il groove e strizza l'occhio agli ottanta per alcune parti più easy listening come la commerciale opener 'California Dreamin' (estratta anche come singolo, nda), senza disprezzare però alcuni suoni 'moderni' soprattutto nel guitar work. E per farvi ben capire quanto appena scritto ascoltatevi 'Take My Hand' che trasuda alternative rock di matrice fine nineteen ed inizio anni 'zero'; il suono saturo della sei corde e la corposità del brano come impatto rimembra qualcosa degli Audioslave, ovviamente con le dovute proporzioni. Se invece volete del sano hard 'n'roll bluesato e caricato ugualmente di adrenalina ascoltatevi 'Gypsy', oppure potete tornare a gustravi i seventies nelle brillanti 'No Warning' o 'Tied Up'. A differenza della band dei fratelli Kiszka i Losangeleni in questione di sicuro non scimmiottano Plant e soci ed hanno uno stile che, anche se simile, non disdegna certi (pochi) momenti dediti ad un rock più moderno. Non sarà il disco dell'anno ma sicuramente vale la pena averlo nella propria collezione.

Roby Comanducci

band info

 

Published in Albums

In uscita il prossimo 16 Luglio 2021 "Stain The Sea", il nuovo album degli Inner Stream della female singer Inés Vera Ortiz, by Frontiers Music srl per la quale la band ha firmato un contratto multi-album. "Le influenze musicali per questo album sono symphonic metal, elettronica, goth e nü metal, tra le altre. Band come Lacuna Coil, Evanescence e Within Temptation sono forse le band più correlate che posso nominare, ma come grande fan del metal, il mio elenco di brani personali è pieno di cose diverse che mi hanno sempre ispirato. Korn, Deathstars, Disturbed, The Birthday Massacre, Portishead, Massive Attack, Symphony X, Angra, Sonata Arctica, Queensrÿche, Bring Me The Horizon e così via... ". Questo afferma la cantante Inés Vera Ortiz sulle sue influenze musicali. Ascoltatevi il nuovo video single "Massive Drain".

click here to see video single

band info

 

Published in News

I paladini della New Wave of British Heavy Metal nonchè leggendari esponenti della musica hard 'n' heavy nel mondo sono stati esclusi e non entreranno nella Rock And Roll Hall Of Fame nel 2021. I membri della giuria erano circa 1200 tra artisti, esperti, e gente del music business. Viceversa faranno la loro entrata artisti quali FOO FIGHTERS, THE GO-GO’S, Tina Turner e altri. 

Allora: a prescindere da coloro che sono entrati, non voglio entrare nel 'merito artistico' di questi bensì capire la motivazione che questi "luminari" della giuria hanno tirato fuori per estromettere Dickinson e soci ?!!?!?! Inammissibile è la sola parola che mi viene fuori. Perchè succede questo? La musica deve essere tutelata da persone intelligenti. Come si fa ad escludere una band che va oltre il suo genere; gli Iron sono un baluardo, un esempio, hanno caratterizzato un'epoca, una svolta musicale, hanno contribuito a creare uno stile musicale. Sono basito quando vengo a conoscenza di tali notizie. Io non so cosa ne pensate voi, ma per me è un vero sopruso!

(Steve Harris on stage Gods of Metal 2000 - photo by Roby Comanducci)

Roby Comanducci  

 

 

Published in Gossip

I bravi svedesi Rian, melodic rock band d'eccezione, hanno firmato per un multi deal album con Frontiers Music srl e il primo disco "Twenty Three" uscirà il 16 Luglio 2021. Ascoltatevi il singolo "Stop" estratto dall'album

band website

click here to see video single

Published in News
Martedì, 11 Maggio 2021 00:10

ROBIN MCAULEY “Standing On The Edge”



Line-up: Robin McAuley – vocals, Andrea Seveso – guitars, Alessandro Del Vecchio - bass, keyboards, backing vocals, Nicholas Papapicco – drums, Howard Leese - guitars on “Supposed To Do Now”

Tracklist: Thy Will Be Done, Standing On The Edge, Late December, Do You Remember, Say Goodbye, Chosen Few, Run Away, Supposed To Do Now, Wanna Take A Ride, Like A Ghost, Running Out Of Time,

Lo ammetto, ero proprio curioso di vedere quello che il nostro arzillo sessantottenne fosse ancora in grado di fare. Di sicuro ero rincuorato dalle sue ultime prove in studio con l'eccelso progetto Black Swan (insieme a Reb Beach, Jeff pilson, Matt Starr) e tante altre collaborazioni tra cui l'onnipresente (nella sua carriera) Michael Shenker. L'Irlandese in questione è un autentico “mostro sacro” del panorama hard rock e melodic rock mondiale; tutti ci ricordiamo i suoi vocalizzi negli albums “Perfect Timing”, “Save Yourself” e “MS.G.” targati McAuley Shenker Group. Ma era alla sua prova solista (la seconda, la prima risale al 1999 “Business as Usual”) che volevo testare la sua classe: e di classe Robin ne ha ancora da vendere. Voce inattaccabile dall'usura e dal tempo, sempre tagliente e penetrante come trent'anni fa. Un vero marchio di fabbrica assoluto! In questo album il singer si avvale della supervisione e direzione del boss della Frontiers Records, Serafino Perugino, e della produzione e arrangiamenti dell'onnipresente Alessandro Del Vecchio che suona anche basso e keyboards. Una menzione d'onore, comunque, va a tutta la band, tutti musicisti nostrani, assolutamente validi e degni delle migliori line up straniere con le quali McAuley ha registrato e partorito album memorabili. Da “Standing On The Edge” mi aspettavo un come back agli eighties ed in effetti c'è stato ed anche in modo rilevante; le atmosfere e le eufonie che questo cantante e questa band ci regalano sono preziose e ci riportano indietro nel tempo dell'hair metal con però, attenzione, arrangiamenti moderni, più attuali e rifiniti. Ma il sound è quello: catchy al punto giusto, melodico ed ammaliante nelle chorus line ad effetto ma comunque energico e pulsante senza disdegnare un buon tecnicismo di base e una grandissima capacità nel confezionare song in bilico tra l'heavy rock e il rock da classifica. La grinta di 'Running Time', l'edulcorato fm rock di 'Late December', la suadente e magica ballad 'Run Away', il granitico hard sound dell'opener 'Thy Will Be Done', l'elegante rock di 'Say Goodbye' sono tutti momenti che indicano l'attuale longevità artistica di questo stupefacente cantante. Disco da avere assolutamente.

Roby Comanducci

Published in Albums

I norvegesi Terra Odium hanno pubblicato un secondo singolo "Crawling" tratto dal loro prossimo album di debutto, "Ne Plus Ultra" (in uscita 11 Giugno 2021). Sono una band di prog metal composta da due ex membri degli Spiral Architect, il cantante / chitarrista Øyvind Hægeland e il batterista Asgeir Mickelson, insieme al chitarrista Bollie Fredriksen (Manitou) e al bassista Steve Di Giorgio Official - SDG (Testament, Death). Anche il cantante dei Tristania, Kjetil Nordhus, è ospite alle vocals per tutto l'album. Se siete fan di Death, Atheist, Cynic, Watchtower questo album è per voi!

click here to see video single

pre order-save album

Published in News

 

 

 

Line-up: Tommy Clufetos - Drums, Lead Vocals on Tracks 4, 8 and 11, Eric Dover - Lead Vocals, Eliot Lorengo - Bass Guitar, Hank Schneekluth - Lead Guitar, Nao Nakashima - Rhythm Guitar, Tommy C - Saxophone on “Power Of Three”, John Schreffler - Guitar Solo on “Beat Up By Rock 'N’ Roll", Doug Organ - Hammond B3

Tracklist: Heavy Load, Welcome To The Show, You Got The Cash I Got The Flash, Make Me Smile, Do It Again, Kid Blood, Don’t Be Afraid, Beat Up By Rock N’ Roll, Got To Play Some Rock N’ Roll, The Longevity, Power Of Three

Come deve suonare un buon, anzi, un ottimo disco di hard 'n' roll? Così. Non giriamoci troppo intorno; spesso per fare dei dischi validi gli artisti devono inventarsi chissà quali alchimie, innovazioni, mischiare generi e cercare di stupire l'ascoltatore. Il bravo Tommy invece ha messo su questo bel progettino personale con due semplici formule: la sua grande abilità di batterista e la capacità di un songwriting capace di pulsare incontaminato rock duro e rock'n'roll grezzo e diretto da ogni poro. Prodotti così “genuini” non se ne sentono molti, e quando capitano, beh......tanta grazia ricevuta. Tommy Clufetos è sicuramente uno dei drummer più gettonati di questo ultimo periodo; già alla corte di Ozzy e Black Sabbath, ha prestato il suo talento anche per artisti quali Alice Cooper, Ted Nugent, John 5, Rob Zombie senza contare le svariate collaborazioni. Con questo disco il nostro ci ha voluto regalare quasi un'oretta di adrenalina coadiuvato da altri ottimi musiciti tra cui citerei Eric Dover alla voce (Jellyfish, Slash's Snakepit, Alice Cooper e Imperial Drag, nda) e, ricordiamoci, cantando lui stesso tre song, 'Make me Smile', 'Beat Up By Rock N’ Roll' e 'The Power of Three' con un risultato più che dignitoso. Per capire di che “pasta” è fatto questo album basta la “triade” in sequenza di songs 'Don’t Be Afraid', 'Beat Up By Rock N’ Roll' e 'Got To Play Some Rock N’ Roll' che da sole valgono tutto l'album e sicuramente mettono a nudo tutta la maestria e la capacità compositiva di Clufetos. 'Don't Be Afraid' è un breve (poco più di due minuti), veloce e aggressivo up tempo, dove Eric canta con attitudine quasi punk e il sound è veramente un pugno nello stomaco. Poi c'è 'Beat Up By Rock N’ Roll' che ammicca agli Ac/Dc ma senza plagiare nessuno anzi, impreziosendo il tutto con una propria originalità e quindi arriviamo al veloce rock'n'roll di 'Got To Play Some Rock N’ Roll' dove il drummer da sfoggio di una prova superba e la canzone è diretta ed energica come un razzo ipersonico. Altro momento pompato di hard rock sanguigno è la bella 'The Longevity' dove si può apprezzare l'ottimo guitar work della coppia Hank Schneekluth - Nao Nakashima (rispettivamente lead & rhythm guitar). In definitiva un disco per tutti i rockers e per tutti coloro che amano ballare e divertirsi con del sano rock!

Roby Comanducci 

Published in Albums