Novembre 2021

 

 

 



Line up + guests: 


+Ed Breckenfeld - Drums: Tigress, Music In The Aire, Brave Is Beautiful, Against The Grain, Full Moon Crazy, Taller, Lazarus Heart, A Cappella

+Mike Aquino - Additional Guitar: Prom Night In Pontiac, Dear Life, Taller, Lazarus Heart, A Cappella, Against The Grain

+Joel Hoekstra - Additional Guitar: Strong Against The Wind, Music In The Aire, Sin To Believe A Lie

+Colin Peterik - Drums: The Best In Us
+Scott May - B3: Stronger At The Broken Places

+Tom Yankton - Additional Guitar: Full Moon Crazy

+Christian Cullen - Orchestration And Sound Design: Tigress
+Jim Peterik - Guitars, Backing Vocals, Additional Instruments: Against The Grain - Bass, Full Moon Crazy - Additional Guitar, Dear Life - Bass Synth And Bass Guitar, The Best In Us - Bass, Lazarus Heart - Mellotron

Tracklist:

1. Tigress - Kate French - Jennifer Batten - Abigail Stanshmidt (Violin)

2. Prom Night In Pontiac - Chloe Lowery - Anika Nilles (Drums) - Ashley Reeve (Bass)

3. A Cappella - Chez Kane

4. Living For The Moment - Cathy Richardson - Jennifer Batten - Linda Mcdonald (Drums)

5. Against The Grain - Rosa Laricchiuta

6. Strong Against The Wind - Kate French

7. Full Moon Crazy - Cathy Richardson - Jennifer Batten

8. Lazarus Heart - Janet Gardner

9. Taller - Leslie Hunt

10. The Best In Us - Cathy Richarson - Kimi Hayes

11. Dear Life - Lindsay Kent – Sina (Drums)

12. Walk Like Royalty - Kimi Hayes - Nile Brosh (Guitar)

13. Music In The Aire - Chloe Lowery

14. Sin To Believe A Lie - Cathy Richardson - Madden Klas (Drums)

15. Stronger At The Broken Places - Marine Lacoste - Jennifer Batten - Linda Mcdonald (Drums)

16. Brave Is Beautiful - Leslie Hunt - Mindi Abair (Sax And Harmony Vocal)

Mr. “Eye Of The Tiger” Jim Peterik ha veramente superato se stesso con questo ambizioso progetto dei suoi World Stage; ha scritto, arrangiato e confezionato sedici accattivanti rock e hard rock song per poi farle interpretare da eccelse voci femminili, tra le più quotate del melodic rock world attuale. Da sempre il nostro è estimatore delle female vocalist e qui ha dato il suo meglio per registrare un album imperniato sulle voci di queste rock woman! Come potrete leggere dalla tracklist e line up c'è stato un autentico spiegamento di forze con l'ausilio e la collaborazione di decine di strumentisti che hanno dato il loro prezioso contributo per rendere “Tigress - Women Who Rock The World” un album di ottima fattura, melodico e potente al tempo stesso, eufonico e rabbioso, capace di catturare l'attenzione dal primo minuto fino alla fine. Le song qui interpretate da female vocalist d'eccezione tra cui Janet Gardner (ex-Vixen), Cathy Richardson (Jefferson Starship), Jenniffer Batten, Mindi Abair, Kate French, Kimi Hayes, Chez Kane, Rosa Laricchiuta (Black Rose Maze, Trans-Siberian Orchestra), sono veramente sopra la media; la base è un corposo (hard) rock che aleggia in tutte le composizioni per poi variare e virare verso sonorità a volte fm rock, pop rock, heavy rock o Aor insomma....ce n'è per tutti i gusti. Superlativo l'hard sound di “Full Moon Crazy” cantata dalla grintosa ugola di Cathy Richardson e impreziosita dalla sei corde dell'axe hero Jennifer Batten. 
Menzione particolare per la stupenda interpretazione di Chez Kane su “A Cappella” in assoluto uno dei 'must' del disco; un concentrato di fm rock, commerciale e accattivante, con un ritornello da far accapponare la pelle e respirare atmosfere che solo i grandi Survivor potevano creare. Portentosa è l'opener “Tigress” che inizia con una batteria quasi tribale per poi svilupparsi in una ottima hard rock song ma, in definitiva, tutto il disco ha il giusto appeal per far breccia dei cuori di voi cari rockettari. Un album consigliato per chi ama il rock interpretato dalla voce femminile e, soprattutto, per chi vuole godersi un'oretta di musica elegante e con quel pizzico di “commerciale” che non guasta mai.

Roby Comanducci 

Published in Albums

5ive Years Gone pubblicano il video ufficiale di "The Way You're Pleased". Sneakout Records & Burning Minds Music Group sono lieti di presentare il video ufficiale di "The Way You’re Pleased", nuovo singolo estratto da "Rock ‘n’ Roll Rebirth", debut album degli hard rocker italiani 5ive Years Gone.

click here to see video

buy or listen album

Published in News
Giovedì, 11 Novembre 2021 18:08

FANS OF THE DARK "Fans of the Dark"

 

 

Line up: Alex Falk - vocals, Robert Majd - bass, Oscar Bromvall - guitar, Freddie Allen - drums

Tracklist: The Ghost of Canterville, Escape from Hell, The running man, Dial mom for murder, Life kills, Rear Window, The foreigner, Zombies in my class

La recensione di oggi riguarda un lavoro decisamente originale, non semplicemente inquadrabile secondo le coordinate musicali che usualmente citiamo. I Fans of the Dark sono un quartetto svedese che deve molto alla vena compositiva del batterista Freddie Allen, sfogatasi ampiamente durante la recente pandemia. Alla prima occasione sono stati reclutati l’ex compagno di scuola Alex Falk alla voce oltre a dei solidi veterani come Oscar Bromvall, Robert Majd e Mike Palace (rispettivamente chitarra, basso e produzione) per dare vita al primo e omonimo disco. Cosa dire di questo lavoro? Innanzitutto che non è assolutamente scontato, con un inizio molto lento e riflessivo, con ritmiche lente e riffeggi ampi e di atmosfera, con lievi accenni più aggressivi (l’opener “The ghost of Canterville” è un buon esempio); nel seguito continua lo schema ma con una generale predisposizione per una vena rock emozionale, con cori sentiti e ritmiche coinvolgenti; nel corso del disco una lieve influenza metal prende il sopravvento sulla base rock con cui il disco parte, arrivando a pezzi decisamente aggressivi come “Rear window”; prima di questa, quasi conclusiva, una manciata di pezzi che richiamano certo rock commerciale anni ’80 ma anche esprimono, specie nelle linee vocali, richiami più ampi, fino al post punk a certi tratti. Accompagnati a queste come già detto una partenza molto melodica e numerose song ove il gusto per la linea essenziale prevale ed è la voce l’unico elemento che cerca di ritagliarsi uno spazio in primo piano. Il momento di maggior aggressività verso il finale si stempera in song come “The foreigner”, ove si compone una linea di chitarra potente con un tonalità vocale malinconica ed emotiva. Cosa dire ulteriormente di questo platter? Per dare qualche giudizio tecnico, le parti ritmiche sono eccellentemente suonate, così come le linee di chitarra, generalmente in secondo piano ma con vari momenti in cui prendono un certo spazio. Il lavoro degli strumentisti è notevole, mentre per quanto molto particolare a mio avviso sulla voce ci potrebbe essere un lavoro ulteriore, visto che non mi sembra sfruttare appieno tutta l’espressività che può avere, e sembra quasi limitarsi ad arte. La produzione è tra il discreto e il buono, in generale comunque in grado di catturare l’espressività della band. A questo punto un buon banco di prove per questo particolare tipo di messaggio musicale può essere la prova live, ove dimostrare se le lievi pecche presenti nel lavoro in studio vengono superate dall’energia propria di questi momenti. Un disco comunque gradevole all’ascolto e che certamente non vi annoierà.

Nikki

Published in Albums
Mercoledì, 10 Novembre 2021 01:49

VIVERE ABBASTANZA...

 

Pensare di vivere abbastanza per potere assaporare i mille profumi della vita, vedere i milioni di colori della nostra terra....questo forse è quello che angustia maggiormente i miei pensieri. Nel profondo del mio io, a volte, penso e rifletto sul fatto che non siamo eterni. Viviamo per...vivere e sopravvivere: quante cose ci perdiamo in questa nostra persistenza carnale in questo mondo? Perdiamo tempo in tante cose che magari non meritano di essere considerate, ma dobbiamo. Dobbiamo e ne siamo coscienti che questo DOVERE non è un obbligo naturale ma strutturalmente imposto da un qualcosa che ci sovrasta e ci consente di respirare la vita. Noi respiriamo il riflesso della nostra esistenza poiché non siamo assolutamente liberi. Non siamo padroni di noi stessi come crediamo di essere, come - forse o molto probabilmente- cercano di farci credere. Il credo è una cosa profonda ma senza un ideale di fondo è  sabbia che svanisce con un soffio.
Io spero di vivere abbastanza e di assaporare il più possibile le cose che riesco e che
MI PERMETTONO di assaporare. Ebbene sì: io certe volte voglio essere libero, il mio io "ribelle" dentro si scatena e potrei fare qualsiasi cosa, la rabbia ( che è fondamentalmente la caratteristica base del mio carattere ) è in costante fermento e l'adrenalina è calmata solamente da una corretta educazione verso la non violenza ricevuta dai miei genitori.
A volte penso che dovrei agire d'istinto....un giorno magari lo farò, ma sono sicuro che non riuscirò a liberare certe sensazioni intrinseche, la mia mente e contorta poiché NON credo più nel prossimo. Lo so... la chiesa, la gente, il vicino di casa benpensante o i falsi credenti predicano e sventolano al mondo queste parole: credi nel prossimo. Ma c'è un prossimo tuo in cui credere? E poi in cosa devo credere ? Chi è LUI? Non è certamente Dio o qualcuno la cui presenza possa redimere la mia esistenza o accompagnarmi nel mio lungo viaggio della vita. Io non credo nel prossimo, però cerco di dare la mia fiducia, quella sì.
Peccato che siamo tutti come delle piccole isole sparse e non collegate intorno ad un imponente arcipelago ....un arcipelago di cui siamo a conoscenza dell'esistenza ma di cui non sappiamo nulla.
Ripeto, spero di riuscire a godermi qualcosa di questa vita. Certo è che succedono gli eventi più improbabili e noi siamo al cospetto solo di un qualcuno che decide sulla nostra vita.  A questo proposito spesso dico: vivi e respira ogni istante della tua vita come l'ultimo momento, il più bello, il più carico, il più intenso.

Non lasciarti sfuggire nulla, altrimenti lo hai perso per sempre. L'amore che hai per qualcosa, qualcuno, se è vero e sincero, tienilo stretto e conservalo come il bene più prezioso. Quello non ti abbandonerà mai.

Roby Comanducci 

------------------

Thinking of living long enough to be able to savor the thousand scents of life, see the millions of colors of our land .... this is perhaps what most troubles my thoughts. Deep down inside me, I sometimes think and reflect on the fact that we are not eternal. We live to ... live and survive: how many things do we lose in our carnal persistence in this world? We waste time on many things that may not deserve to be considered, but we must. We must and we are aware that this DUTY is not a natural obligation but structurally imposed by something that dominates us and allows us to breathe life. We breathe the reflection of our existence since we are not absolutely free. We are not masters of ourselves as we think we are, as - perhaps or most likely - they try to make us believe. The creed is a profound thing but without an ideal of the bottom it is sand that vanishes with a breath.
I hope to live long enough and to savor as much as possible the things that I can and ALLOW ME to savor. Well yes: sometimes I want to be free, my "rebellious" self inside is unleashed and I could do anything, anger (which is basically the basic characteristic of my character) is in constant ferment and the adrenaline is calmed only by a correct education towards non-violence received by my parents.
Sometimes I think I should act on instinct .... one day maybe I will, but I am sure that I will not be able to release certain intrinsic sensations, my mind is twisted because I no longer believe in the next. I know ... the church, the people, the right-thinking neighbor or false believers preach and wave these words to the world: believe in your neighbor. But is there a neighbor of yours to believe in? And what do I have to believe in? Who is he? It is certainly not God or someone whose presence can redeem my existence or accompany me on my long journey of life. I don't believe in others, but I try to give my trust, yes.
Too bad that we are all like small islands scattered and not connected around an imposing archipelago .... an archipelago of which we are aware of the existence but of which we know nothing.
Again, I hope to be able to enjoy something of this life. What is certain is that the most unlikely events happen and we are only in the presence of someone who decides on our life. In this regard I often say: live and breathe every moment of your life as the last moment, the most beautiful, the most charged, the most intense.

Do not miss anything, otherwise you have lost it forever. The love you have for something, someone, if it is true and sincere, keep it close and keep it as the most precious possession. That will never leave you.

Roby Comanducci 

CATHOUSE “Heavy Party Zone" @ Centrale Rock Pub
sabato 13 Novembre
 
Ciao a tutti rockers e amici della 'Casa del Gatto' eccoci dunque di ritorno al mitico Centrale Rock Pub, dopo le due belle serate con il nostro party anni ottanta, con il CATHOUSE e le sue sonorità che ben tutti conoscete!!!!!
Vi aspettiamo per ballare tutta la notte:
 
- TANTA MUSICA POTENTE
- OTTIMI DRINKS
- INGRESSO GRATUITO
 
...si parte intorno alle 23.00 circa e fino alle 04.00 del mattino e vi distruggeremo i timpani con un mix di puro CATHOUSE sound:
rock'n'roll, street/glam rock, heavy rock, southern rock, hard rock & hair metal, power & classic heavy metal e anche un pizzico di alternative e nu metal.
 
In consolle
ROBY COMANDUCCI
&
KING IRON
 
***************
photo by: Cris Galeazzi
***************
 
 
info locale:
Naturale evoluzione del vecchio ROCK PUB CENTRALE di Lurago d'Erba, storico
locale della Brianza che in 21 anni di attività ha promosso la diffusione dell'underground musicale,in tutti i generi e sottogeneri del ROCK e del METAL e che è stato il punto di ritrovo
di diverse generazioni di rockers, il CENTRALE si ripresenta ora ad Erba in una location più ampia
per dare spazio anche alla musica LIVE, senza snaturare la sua essenza underground.
Il nuovo CENTRALE propone tanti tipi di birra in bottiglia ed alla spina provenienti dai più prestigiosi birrifici d'Europa
e tanti cocktails alcoolici e non. Potete inoltre gustare le nostre
specialità di piccola cucina:panini, piadine, hamburger,
salamelle e patatine fritte,con una sezione dedicata a vegetariani e vegani.
Trovate anche una sala giochi con freccette, flipper, videogames e calciobalilla.
******************
More info:
http://www.rockcentrale.com/index.php?option=com_content...
https://www.facebook.com/pages/Centrale-Rock-Pub/116920755174170?rf=115638061835019
www.cathouse.it
****************
Indirizzo
CENTRALE-ROCK-PUB
Via Cascina California, 9
Erba (CO) 
Published in Latest Event

Nel 2020 Edward J. Freak, frontman di Superhorror e dei nuovi Project Kasha, ha pubblicato il suo primo libro, “Il Nuovo Testamento Artistico” (ed. Planet Book), un romanzo dal retrogusto filosofico che rivela molte visioni della sua esperienza nell'aldilà. Ora si prepara a presentare una nuova opera: “Amore, Morte e Dannazione”. Questa sarà al contempo un libro e un disco, infatti il volume, una raccolta poetico/filosofica di esperienze amorose post-mortem, conterrà un codice che darà accesso all'omonimo disco di debutto del redivivo, le sonorità del quale si snodano tra il Blues e lo Swing, approdando anche al Glam Rock à la Bryan Ferry o David Bowie. Il libro/disco sarà presentato ufficialmente sabato 27 Novembre in occasione di un evento a tema presso il Castello della Musica di Noceto (PR). 

Evento Facebook

CREDITI FOTO COPERTINA: Sabrina Macabre

SITO WEB
YOU TUBE
FACEBOOK
INSTAGRAM

Published in News

I famosi hard rocker indiani Girish & The Chronicles (GATC) hanno pubblicato un nuovo singolo, "Lovers' Train". Ascoltatevi in streaming o scaricate il singolo 'Lovers Train', un "antipasto" per il prossimo album in studio della band, che uscirà all'inizio del 2022 tramite Frontiers Music Srl. 

click here to listen or download single

Published in News

E' uscito il secondo singolo "'Crazy Enough'" per la band svedese Cap Outrun che farà uscire il nuovo full lenght album" "High On Deception" il prossimo 10 Dicembre.

click here to see video

Published in News

Il 31 ottobre INCREASE THE ANIMA, progetto solista di Davide Porcelli (EGOSYSTEMA), batterista e bassista con esperienza trentennale nel settore, ha pubblicato in digitale tramite Tunecore l’EP di debutto “Elisabeth”. “Elisabeth” è un lavoro di rock moderno fresco e accattivante che vede la partecipazione di svariati ospiti come Marco Pastorino (TEMPERANCE, VIRTUAL SYMMETRY) che si è occupato delle linee vocali e dei testi, Luca Birocco (EGOSYSTEMA), Luca Negro (TEMPERANCE) e altri. L’artwork è stato realizzato da Gustavo Sazes (ARCH ENEMY, ANGRA e altri). Il terzo singolo estratto è “Set Mach Game”

click here to see video

listen or download album

Published in News

Frontiers Music Srl è lieta di annunciare l'uscita di "Quaternary", il nuovo album dei Kandia, una band alternative metal portoghese, il 21 gennaio 2022. Oggi la band ha pubblicato un nuovo singolo e video, "Fight Or Flight". '.

click here to see video

Published in News